Gnocchi al baccalà con vongole veraci

Una ricetta dello chef Cannavacciuolo: gli gnocchi al baccalà con vongole veraci.

Un ottimo primo di pesce con un intenso sapore di mare.

Secondo il suo consiglio, il tempo di cottura dipende dalla grandezza degli gnocchetti.
Più piccoli sono più in fretta saliranno in superficie.
Siate rapidi a toglierli dall’acqua per non farli scuocere, e ricordatevi di terminare la cottura con la mantecatura.

E ora qualche breve curiosità sul baccalà.

Il baccalà è il secondo alimento, dopo il salmone affumicato, più ricco di omega 3-6-9.

Il merluzzo sotto sale è una fonte di proteine migliore rispetto alla carne: un etto di pesce, infatti, ne contiene 39 grammi in confronto ai 20 circa dell’alternativa bovina e suina.

Possiede inoltre una bassissima quantità di grassi (solo 1 grammo per etto), qualità che lo rende una pietanza perfetta anche nelle più rigide delle diete.

Il baccalà è anche ricco di lisina, un amminoacido essenziale che il corpo umano non può sintetizzare da solo, di calcio e dell’insostituibile vitamina A.

Tanti pregi in pochissime calorie!

Antonino la sa lunga!
Se, come me, apprezzate le ricette dello chef Antonino Cannavacciuolo, c’è una sezione dedicata ai suoi piatti.

E ora vediamo come realizzare questi gnocchetti al baccalà.

Stampa ricetta
Gnocchi al baccalà con vongole veraci
Cucina Italiana
Tempo di preparazione 1 ora
Tempo di cottura 20 minuti
Porzioni
persone
Cucina Italiana
Tempo di preparazione 1 ora
Tempo di cottura 20 minuti
Porzioni
persone
Istruzioni
  1. Per gli gnocchetti: lessare le patate, sbucciarle, schiacciarle.
    Per gli gnocchetti: lessare le patate, sbucciarle, schiacciarle.
  2. Dissalare il baccalà.
    Dissalare il baccalà.
  3. Togliere bene tutte le spine.
    Togliere bene tutte le spine.
  4. Tagliarlo a tocchetti e cuocerlo in una padella antiaderente con un filo d'olio.
    Tagliarlo a tocchetti e cuocerlo in una padella antiaderente con un filo d'olio.
  5. Amalgamarlo con le patate schiacciate, la farina, la fecola ed il tuorlo.
    Amalgamarlo con le patate schiacciate, la farina, la fecola ed il tuorlo.
  6. Formare una palla e metterla in una scodella coperta da pellicola a riposare per almeno 15 minuti.
    Formare una palla e metterla in una scodella coperta da pellicola a riposare per almeno 15 minuti.
  7. Con l'impasto ottenuto, formare arrotolandoli sul palmo della mano, tanti piccoli gnocchi rotondi.
    Con l'impasto ottenuto, formare arrotolandoli sul palmo della mano, tanti piccoli gnocchi rotondi.
  8. Sbucciare la patata, mondare il cipollotto.
    Sbucciare la patata, mondare il cipollotto.
  9. Farli soffriggere in una padella con un filo d'olio.
    Farli soffriggere in una padella con un filo d'olio.
  10. A parte scaldare un pò d'olio con l'aglio in una pentola. Buttarvi le vongole e coprire. Quando iniziano ad aprirsi, toglierle dal fuoco e sgusciarle.
    A parte scaldare un pò d'olio con l'aglio in una pentola. Buttarvi le vongole e coprire. Quando iniziano ad aprirsi, toglierle dal fuoco e sgusciarle.
  11. Filtrare l'acqua di cottura delle vongole e versarla nella padella delle patate. Proseguire la cottura per qualche minuto, finchè la patata sarà cotta e frullare ottenendo una crema semiliquida. Aggiustare di sale ed aggiungere un filo d'olio.
    Filtrare l'acqua di cottura delle vongole e versarla nella padella delle patate. Proseguire la cottura per qualche minuto, finchè la patata sarà cotta e frullare ottenendo una crema semiliquida. Aggiustare di sale ed aggiungere un filo d'olio.
  12. Lessare gli gnocchi in abbondante acqua salata e, quando salgono in superficie, mantecarli nella padella con la salsa e le vongole.
    Lessare gli gnocchi in abbondante acqua salata e, quando salgono in superficie, mantecarli nella padella con la salsa e le vongole.
  13. Terminare con una spolverata di prezzemolo tritato ed una macinata di pepe nero.
    Terminare con una spolverata di prezzemolo tritato ed una macinata di pepe nero.
Recipe Notes

Ora non resta altro che gustarsi il piatto.

Piaciuta la ricetta? Allora vi piacerà anche la mia newsletter!

Iscrivetevi GRATUITAMENTE per:

  • avere accesso all'area dei contenuti riservati agli iscritti, dalla quale scaricare gratuitamente contenuti riservati che verranno aggiunti costantemente;
  • ricevere ogni settimana, direttamente sulla vostra email, contenuti di valore, non presenti né sul sito né sui miei canali Social;

Abbinamenti consigliati

Antipasto

Inizierei partendo da un classico rivisitato, una sorta di polipo con le patate, ma in una veste tutta nuova.
Date un'occhiata allo scrigno di patate con sorpresa.
Accompagnerei il tutto con questi crackers viola con esubero di lievito madre.

Secondo

Dopo gli stupendi gnocchetti di Cannavacciuolo è l'ora del secondo.
Facciamo quindi spazio a un filetto di salmone aromatizzato al Berberè e aneto, cotto a bassa temperatura nelle foglie di fico, un nome che è tutto un programma e una ricetta davvero deliziosa.

Digestivo

Per questo menù consiglio di concludere con un bel digestivo, un liquore menta e liquirizia che vi lascerà un piacevole senso di freschezza al palato.

Ma se proprio non riuscite a fare a meno del dolce, ecco il gelato alla liquirizia, che vi donerà altrettanta freschezza!

Vi è piaciuto il menù proposto? Non perdete allora l'ebook di Luciana In Cucina dedicato ai menù!

Altro da Luciana In Cucina

  • 27
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *