Prosciutto fatto in casa

Siete sempre alla ricerca di ricette curiose per stupire e stupirvi? Ecco il prosciutto fatto in casa!

Un prosciutto di maiale artigianale realizzato con un metodo antico, utilizzando la parte del filetto.

Ma mangiare salumi fa male alla salute?

Come sempre suggerisco di non esagerare nelle dosi, tutto mangiato in eccesso può far male, ma nelle giuste quantità possono anzi apportare anche dei benefici al nostro corpo!

Essi infatti contengono nutrienti importanti per l’equilibrio della nostra dieta.

Se volete approfondire l’argomento, vi suggerisco questo interessante articolo che parla proprio del falso mito che i salumi fanno male.

Una volta conosciute tutte le informazioni, possiamo serenamente continuare a mangiare e realizzare salumi fatti in casa.

È arrivato quindi il momento di vedere come fare il prosciutto.

Stampa ricetta
Prosciutto fatto in casa
Cucina Italiana
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo Passivo 3 settimane
Porzioni
persone
Ingredienti
Cucina Italiana
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo Passivo 3 settimane
Porzioni
persone
Ingredienti
Istruzioni
  1. Pulire bene il filetto e rifinirlo dalle parti di grasso esterne. Poi legarlo con gli elastici da arrosto e adagiarlo in un contenitore in acciaio.
    Pulire bene il filetto e rifinirlo dalle parti di grasso esterne. Poi legarlo con gli elastici da arrosto e adagiarlo in un contenitore in acciaio.
  2. Cospargerlo con un mix fatto con sale, pepe, chiodi di garofano e bacche di ginepro schiacciate.
  3. Aggiungere i rametti di rosmarino e massaggiare il filetto.
    Aggiungere i rametti di rosmarino e massaggiare il filetto.
  4. Versare il vino bianco.
  5. Coprire il tutto e posizionarlo in frigorifero lasciandolo in salamoia per 7 giorni.
  6. Trascorsi 7 giorni prelevare il filetto dal frigorifero, asciugarlo dalla salamoia con carta assorbente ed appenderlo in luogo areato (cantina). Lasciarlo asciugare per una ventina di giorni.
    Trascorsi 7 giorni prelevare il filetto dal frigorifero, asciugarlo dalla salamoia con carta assorbente ed appenderlo in luogo areato (cantina). Lasciarlo asciugare per una ventina di giorni.
  7. Prelevarlo dalla cantina, eliminare gli elastici ed affettarlo sottilmente.
    Prelevarlo dalla cantina, eliminare gli elastici ed affettarlo sottilmente.
  8. Servire accompagnandolo con del pane casereccio ed un calice di vino.
Recipe Notes

Se volete potete servire il vostro prosciutto come antipasto e accompagnarlo con questo pane fatto in casa oppure potete sbizzarrirvi con delle brioches salate o dei gustosi salatini snack.

A voi la scelta!

Se avete realizzato qualche mia ricetta scattate una foto e condividetela usando l'hashtag #lucianaincucina.

Mi piace vedere tutte le vostre creazioni su Instagram, Facebook e Twitter!

Alla prossima ricetta 🙂

Altro da Luciana In Cucina

  • 21
    Shares

Profumo di limone by (Copertina rigida)

Price: EUR 58,65

4.6 su 5 stelle (3)

2 pensieri su “Prosciutto fatto in casa

  1. Ciao Luciana ,
    stamattina ho tolto il filetto di maiale dalla salamoia e appeso in cantina per l’asciugatura .
    Stavo però pensando che , dal colore della carne che pareva un lesso , sarà difficile che
    riacquisti il colore rosso , tipico dei salumi tipo bresaola , mocetta , prosciutto ecc.
    come vedo nelle tue foto .
    Mi è venuto il dubbio che non avrei dovuto lasciarlo nel vino per 7 giorni !
    Ho sbagliato il passaggio ?
    Grazie
    Elio

    1. Cia Elio,
      sono contenta che sei curioso come me in fatto di esperimenti culinari.
      Ti confermo che i passaggi della ricetta sono corretti, io ho proprio fatto così ed il risultato è stato davvero ottimo.
      Sicuramente brutto da vedere, soprattutto all’inizio come sta succedendo a te ma, vedrai che, dopo l’asciugatura in luogo fresco ed areato (non in frigor) otterrai un mini prosciutto fatto tutto da te.
      E’ normale che la salamoia lo renda poco carino alla vista però è una normale reazione della carne soprattutto a contatto con il sale.
      Dai, pazienta 20 gg e poi fammi sapere 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *