Schiacciata con l’uva

schiacciata con l'uva

La schiacciata con l’uva altro non è che una focaccia all’uva squisitamente dolce.

La schiacciata all’uva è  una tipica ricetta della cucina toscana. Appartiene alla categoria dei “piatti poveri di una volta“, quelli che spesso regalano più soddisfazioni!

Veniva preparata al tempo della vendemmia e portata nelle sagre contadine per essere gustata in compagnia.

Ho deciso di preparare questa deliziosa focaccia dolce non solo per la sua bontà, ma anche per una storia

Quando ero piccola, proprio sotto casa mia c’era un piccolo panificio.

Ogni volta che scendevo, il profumo del pane, delle brioches e di tutti i prodotti appena sfornati mi attirava come un’incantesimo.

Ma, ciò che più mi convinceva ad entrare, era un profumo particolare: quello della focaccia dolce che il signor Mario preparava due volte al giorno per soddisfare le richieste dei clienti del suo panificio.

Era un sapore indescrivibile, semplice ma buonissimo, di quelli che ti coccolano ancora prima dell’assaggio e, questa focaccia impreziosita dall’uva fragola, me lo ricorda un po’ 🙂

Stampa ricetta
Schiacciata con l'uva
Questa focaccia dolce impreziosita dall'uva è un'ottima merenda salutare da gustare in compagnia!
Cucina Italiana
Tempo di preparazione 35 minuti
Tempo di cottura 40 minuti
Tempo Passivo 15 ore
Porzioni
persone
Cucina Italiana
Tempo di preparazione 35 minuti
Tempo di cottura 40 minuti
Tempo Passivo 15 ore
Porzioni
persone
Istruzioni
  1. Nell'impastatrice inserire le due farine insieme al lievito madre rinfrescato e riposato per un'oretta. Aggiungere l'acqua e cominciare a lavorare inserendo per ultimi il sale e l'olio.
  2. Dopo una lavorazione di circa 10-15 minuti trasferire l'impasto in una ciotola unta d'olio, coprire con pellicola e mettere in frigorifero per 12 ore.
  3. Il giorno dopo estrarre dal frigor l'impasto, lasciarlo a temperatura ambiente per un paio d'ore, dopo di che, rovesciarlo sulla spianatoia e dividerlo in due parti.
    Il giorno dopo estrarre dal frigor l'impasto, lasciarlo a temperatura ambiente per un paio d'ore, dopo di che, rovesciarlo sulla spianatoia e dividerlo in due parti.
  4. Stendere con le dita la prima parte in una teglia rettangolare di 30 x 40 cm. oliata e cospargerla con la metà degli acini di uva e metà dello zucchero.
  5. Coprire con la seconda parte dell'impasto, versare il restante zucchero ed il resto degli acini di uva pressandoli con le dita.
    Coprire con la seconda parte dell'impasto, versare il restante zucchero ed il resto degli acini di uva pressandoli con le dita.
  6. Lasciar lievitare ancora un'ora prima di cuocere in forno a 200°C per circa 40 minuti.
    Lasciar lievitare ancora un'ora prima di cuocere in forno a 200°C per circa 40 minuti.
  7. Una volta raggiunta la doratura, estrarre dal forno, lasciar intiepidire e gustare.
    Una volta raggiunta la doratura, estrarre dal forno, lasciar intiepidire e gustare.
Recipe Notes

Sentirete che bontà!

L'unico appunto che mi sento di darvi riguarda i semi dell'uva fragola che sono un po' più grandi di quelli dell'uva classica e possono dar fastidio all'assaggio.

Se pensate che possano essere difficili da mangiare, prima di utilizzarli è necessario svuotare gli acini ma, se riuscite a mangiarli, sappiate che fanno davvero molto bene al nostro organismo!

Infatti sono ricchi di antiossidanti e per questo ci proteggono dai radicali liberi mantenendoci giovani e stimolando la produzione di collagene.
In più:

  • Rivitalizzano e rinforzano i capelli prevenendone la caduta.
  • Proteggono la vista (soprattutto per chi trascorre molte ore davanti al pc) grazie alla vitamina E.
  • Sono dei preziosi antinfiammatori e proteggono da patologie come artrite, dermatite, sinusite, colite, gastrite, infezioni urinarie e disturbi intestinali
  • Proteggono il nostro cuore grazie ai flavonoidi in essi contenuti che rinforzano i vasi sanguigni e tengono sotto controllo la pressione sanguigna.
  • Aiutano l’organismo a smaltire eventuali farmaci in eccesso o altre sostanze dannose che, una volta entrati in circolazione, il corpo fatica ad eliminare.

Se anche voi amate avere le mani in pasta, date un'occhiata alla mia sezione pane e lievitati.

E se vi è piaciuta la ricetta, e seguitemi sui miei canali social, mi trovate qui:
Facebook
Instagram
Twitter 

Alla prossima ricetta!

Altro da Luciana In Cucina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *